Scuola Secondaria di Primo Grado “Antonio De Curtis”

Sicurezza, prevenzione e salute nella scuola

Sicurezza nelle scuole: Obblighi, Competenze e Normativa

Cos'è

Per garantire la sicurezza, il D. Lgs. 81/2008 prevede strumenti gestionali nuovi:

  • il documento sulla sicurezza, aggiornato periodicamente, che contiene la valutazione dei rischi e le relative misure di prevenzione e protezione;
  • il Piano di evacuazione rapida;
  • vari organismi permanenti, con funzioni specifiche in materia di sicurezza;
  • la partecipazione dei lavoratori, alla gestione di tutte le fasi del processo; va ricordato che gli studenti sono addirittura equiparati ai lavoratori, durante le attività (come le esercitazioni di laboratorio e l’educazione fisica) che comportano l’uso di apparecchiature e attrezzature di lavoro.

Per individuare la figura del preposto non è necessaria una delega scritta da parte della Dirigenza Scolastica, e neanche una nomina, poiché, in base alla normativa vigente tutti quelli che esercitano di fatto un potere di comando verso altri soggetti oppure sono riconosciuti dagli altri ad essere comandati, in via sostanziale vengono d’ufficio individuati come preposti, sempre facendo riferimento alle casistiche sopra citate.
Ma per buon senso e rispetto del buon andamento dell’Amministrazione Pubblica il Dirigente Scolastico, nella sua qualità di datore di lavoro, deve comunicare sia alle persone interessate che all’intera comunità scolastica i nominativi dei preposti, senza abusare di tale figura, senza conferire responsabilità non dovute, poiché quella del preposto alla sicurezza è soggetta a responsabilità rilevanti civili e penali nonché a pesanti sanzioni.

Il Dirigente Scolastico ed il Responsabile della Sicurezza provvedono a proporre programmi di informazione e formazione in tema di sicurezza (art. 36 e 37 del D.Lgs 81/2008).

In ogni plesso è presente l’albo della sicurezza comprendente le principali informative e i nominativi dei responsabili referenti e addetti alla sicurezza come previsto dalla vigente normativa.
Ogni plesso dispone di un piano che individua, al manifestarsi di una situazione di pericolo, le azioni da compiere e consente l’evacuazione ordinata e tempestiva degli alunni e del personale presente nell’edificio.

Le prove di evacuazione (almeno due all’anno) e le procedure d’intervento sono oggetto di continui controlli da parte degli operatori preposti.

All’interno di ogni locale scolastico sono affisse le piantine che illustrano il percorso da seguire per raggiungere la zona di sicurezza esterna in caso di emergenza, nonché le disposizioni previste alla diramazione del segnale dell’obbligo di evacuazione della scuola.

Con la sempre crescente importanza data alla protezione civile e al senso di cittadinanza attiva, il tema della protezione e prevenzione e la cultura della sicurezza coinvolgono molte azioni didattiche. Al fine di promuovere comportamenti sicuri e consapevoli, è previsto un percorso disciplinare ed esperienziale, ormai consolidato e validato da molteplici interventi, che confluisce nella “settimana della sicurezza”, durante la quale gli alunni mettono in pratica le competenze maturate sulla prevenzione dei rischi.

A cosa serve

L’organizzazione della sicurezza nella scuola ha la finalità di attivare comportamenti responsabili ed adeguati in una scuola sicura

Come si accede al servizio

In ogni plesso è presente l’albo della sicurezza comprendente le principali informative e i nominativi dei responsabili referenti e addetti alla sicurezza come previsto dalla vigente normativa

Procedure collegate all'esito

La cosa fondamentale rimane il rispetto della normativa e la segnalazione di eventuali problemi, ma soprattutto una continua e puntuale formazione

Servizio online

Consulta le sezione dedicata alla sicurezza sul nostro sito

Autenticazione

Non è prevista alcuna modalità di autenticazione

Servizi correlati

Luoghi in cui viene erogato il servizio

Cosa serve

Nella scuola devono essere quindi individuate, come in un qualsiasi posto di lavoro, le figure di riferimento della normativa

  • La valutazione dei rischi avviene con il supporto del personale tecnico degli enti locali, e la sua fase finale corrisponde con la redazione del DVR, Documento di Valutazione Rischi
  • Nomina dell’RSPP, degli addetti alle emergenze e di comunicare il nominativo dell’RLS all’INAIL

Tempi e scadenze

Il servizio non ha scadenze

Documenti

Protocollo per la ripresa delle attività in presenza

In applicazione del D.lgs. 81/2008 Sicurezza e salute nei posti di lavoro

La tutela della sicurezza e della salute per le lavoratrici madri

“Informazioni sulla tutela delle lavoratrici madri”

Documento di valutazione dei rischi

Il DVR è un documento chiave per il monitoraggio, la catalogazione e l’analisi dei rischi
Struttura responsabile del servizio

Ulteriori informazioni